fbpx

Il Fondatore

Il fondatore: Egidio Palmiri

Arduo sintetizzare in un breve curriculum l’esistenza di un personaggio che è stato a lungo artista in Italia e all’estero, direttore di circhi, rappresentante per oltre mezzo secolo dell’Associazione di categoria dei circhi italiani, copartecipe di numerose imprese circensi a livello internazionale, fondatore e guida dell’Accademia d’Arte Circense.

Due le biografie che lo riguardano e alle quali si rimanda: Sospeso nel Vuoto. L’avventura del circo italiano nella storia di Egidio Palmiri, suo grande protagonista, scritto da Ruggero Leonardi e con la prefazione di Giulio Andreotti (Gremese Editore, 2006), e Gli acrobati folli. La storia della dinastia circense Palmiri, scritto da Raffaele De Ritis con prefazione di Ruggero Leonardi, dato alle stampe dalla Italiana Produzioni di Roberto Fazzini nel 2002.

Figlio di Angelo Palmiri (1875-1949) ed Albina Ferrua (1882-1970), i quali si conoscono in una compagnia di guitti che girava l’Italia rappresentando soggetti religiosi, Egidio Palmiri nasce nel circo il 28 luglio 1923. Dentro la famiglia respira la dedizione al lavoro e al sacrificio, “assorbe” la creatività artistica e imprenditoriale, e tutti i valori di fondo che hanno fatto grande il circo italiano nel mondo.

Quella dei Palmiri è una delle dinastie circensi italiane più importanti del 900. La storia inizia con un’arena all’aperto dove il pubblico accorre per assistere a evoluzioni aeree e recite di teatro popolare. Negli anni 30 Egidio Palmiri lavora nei circhi e nei grandi teatri di varietà tedeschi insieme al fratello Giovanni, che viene soprannominato “il demone dell’aria”.